What
  • Accredito Culto
  • Alimentari
  • Arte Judaica
  • Catering
  • Cimiteri
  • Comunità
  • Elenco Prodotti (ARI)
  • Events Planner
  • Forni, pasticcerie e gelaterie
  • Jewish Tour
  • Kosher food
  • Librerie
  • Macellerie
  • Mense Rituali
  • Musei
  • Ospitalità
  • Quartieri Ebraici
  • Sinagoghe
  • Vini
Città

In città rimangono numerosi ricordi del passato ebraico. Si può iniziare dalla torre degli Ebrei o di Porta Terra, ora dedicata ai caduti di guerra. Fu eretta nel 1360 come parte del sistema difensivo della città e finanziata all’epoca dalla comunità ebraica di Cagliari. La juharia – il quartiere ebraico – si estendeva dal bastione Myrador dove si trovava l’ospedale, oggi università, e si sviluppava alle spalle della Porta Mare, tra i bastioni Marco Polo, Pigafetta e Magellano e piazza Duomo. Quello che era il quartiere ebraico presenta oggi un intreccio di stradine ben curate, come il Carrero dels hebreus, abbellite da vasi di fiori sulle pareti esterne delle case. Nella piazza Santa Croce si ritiene vi fosse la sinagoga. Costruita nel 1381 e ingrandita e restaurata nel 1438, all’espulsione del 1492 fu trasformata nella chiesa di Santa Creu, oggi non più esistente. Si ha notizia di un cimitero che nel 1381 era nella zona detta la reyal, che fu poi trasferito nel 1386 fuori dall’abitato verso la chiesa di Sant’Agostino, poco distante dal mare. Oggi non ne esistono tracce evidenti.

La storia degli ebrei in Sardegna iniziò in età antica (I secolo era volgare), poco successiva a quella degli ebrei di Roma. Gli storici raccontano che l’imperatore romano Tiberio nel 19 e.v. inviò in Sardegna con leva militare coatta 4000 ebrei, residenti a Roma, per combattere il brigantaggio e lavorare nelle miniere di metallo. Alla fine della leva molti tornarono nella penisola ma una parte si stabilì nell’isola, come dimostrano ritrovamenti archeologici che vanno dalla fine del III al V secolo, in particolare nelle catacombe di Sant’Antioco, nella Sardegna occidentale. Il silenzio sulla presenza ebraica in Sardegna durò per circa otto secoli. Si riparlerà della loro presenza all’inizio XIV-XV secolo, con l’avvento del dominio aragonese e durerà fino alla espulsione del 1492. Le comunità di Alghero, Cagliari e Sassari furono le principali dell’isola.


Piazza della Juharia, bastioni Marco Polo, Pigafetta e Magellano, piazza Duomo